Consigli per il consumatore

Se desiderate farvi applicare un tatuaggio, effettuate una ricerca non solo sull’abilità degli artisti tatuatori e sulle misure che adottano per evitare le infezioni, ma anche su quali inchiostri per tatuaggi utilizzano. Raccogliete tutte le informazioni, e non esitate a fare domande!

Il vostro tatuatore dovrebbe essere in grado di fornirvi informazioni complete sugli inchiostri utilizzati, inclusi i dati identificativi del fornitore, i possibili rischi sanitari e la conformità con le norme e regolamenti pertinenti.

Per esempio, dovrebbe essere garantita la  tracciabilità in modo da individuare l’origine dell’inchiostro fino al rivenditore e verificare la conformità dei prodotti rispetto alle  normative nazionali (presenti in Belgio, Francia, Germania, Olanda, Slovenia, Spagna, Svezia, Norvegia e Liechtenstein) o alle raccomandazioni contenute nella Risoluzione del Consiglio d’Europa sulla sicurezza degli inchiostri per tatuaggi e del trucco permanente.

Si raccomanda al consumatore di rivolgersi a Centri specializzati che rilasciano il certificato che attesta la data di esecuzione del tatuaggio, l’utilizzo di strumentazione sterile ed il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Se il consumatore vuol donare il sangue, deve presentare questo certificato al Centro dove effettua la donazione in quanto per donare il sangue senza alcun rischio per il ricevente la legge prescrive che debbano essere trascorsi almeno quattro mesi da quando il tatuaggio è stato effettuato. A tale proposito, tutti i requisiti di idoneità sono elencati nel Decreto del Ministero della Salute del 2 novembre 2015 – Allegato IV, recante “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.

Inoltre potrebbe essere utile consultare il sistema UE di allerta rapido per i prodotti di consumo pericolosi (RAPEX) per verificare se vi siano segnalazioni di inchiostri che abbiano comportato seri rischi, o contattare gli Enti competenti in materia di pericoli, rischi e controlli su sostanze chimiche o inchiostri per tatuaggi ( ISS, ARPA).

Infine, vi suggeriamo di prendere nota dell’inchiostro per tatuaggi utilizzato, nell’eventualità che sviluppiate una reazione avversa e di rivolgervi i immediatamente al vostro medico.

Commenti chiusi