Chi sono gli Organi di Controllo

Il Centro nazionale Sostanze Chimiche, Prodotti Cosmetici e Protezione del Consumatore (CNSC) è l’organo tecnico scientifico di supporto all’Autorità Competente nazionale ed alle Regioni e Province Autonome per l’implementazione dei Regolamenti europei per la gestione delle sostanze, miscele ed articoli  e la loro immissione in commercio per la tutela della salute della popolazione e dell’ambiente. Il CNSCin questo ruolo collabora  con il Ministero della Salute e con le Regioni e Province Autonome per le azioni di vigilanza e controllo, individuandone priorità e compiti.

Ministero della Salute:

  • Presso la Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute è istituita l’Autorità Competente (AC) Nazionale per l’implementazione sul territorio italiano dei Regolamenti REACH e CLP.
  • Presso l’AC è istituto il Comitato Tecnico di Coordinamento (CTC) che definisce le azioni e gli interventi nazionali e internazionali per l’implementazione dei Regolamenti REACH e CLP.

Il CTC opera attraverso  gruppi di lavoro:

  1. Formazione ed informazione;
  2. Supporto ai comitati dell’ECHA (Agenzia europea per le sostanze chimiche);
  3. Confronto con le imprese;
  4. Comitato ex articolo 133 del regolamento (CE) n.1907/2006;
  5. Supporto alle attività di enforceament armonizzate;
  6. Nanomateriali;
  7. Coordinamento della Rete dei laboratori.

Gruppo Tecnico Interregionale (CTI) REACH: Regioni: il coordinamento delle Regioni e Provincie Autonome ha istituito dal 2008 e ratificato dal CIP il 10/06/2009, all’interno del Comitato Interregionale della Prevenzione (CIP) della Commissione Salute, il CTI. Tale Gruppo è costituito da operatori delle diverse componenti istituzionali dei sistemi regionali (Assessorati alla Salute, Dipartimenti di Prevenzione delle ASL, ARPA). Compito di tale gruppo è definito dall’accordo Stato Regioni del 2009, che individua nelle strutture territoriali le competenze per i controlli e per la vigilanza sulle attività di enforcement definite dal Forum della vigilanza ECHA anno per anno.

Commenti chiusi